lunedì 13 febbraio 2012

Hugo Cabret


All'inizio sembra che la neve ti sfiori il viso e d'istinto alzi la mano per toccarla. Ma in realtà non c'è nulla davanti a te, se non, e piuttosto lontano, uno schermo gigante. E' con questa piccola "magia" che comincia "Hugo Cabret", l'ultimo film di Martin Scorsese, il suo primo 3D (tratto dal romanzo La straordinaria invenzione di Hugo Cabret di Brian Selznick, pronipote di David, il produttore di "Via col vento"). Siamo nella Parigi degli anni Trenta, in uno dei suoi "ingranaggi" più frenetici: la stazione di Montparnasse. E' qui che abita clandestinamente il piccolo Hugo (Asa Butterfield), un orfanello a cui la vita ha levato tanto ma che riserva per lui anche particolari sorprese. Hugo aggiusta orologi e prova a rimettere in sesto un automa lasciatogli in "eredità" dal papà. Nella ricerca dei pezzi mancanti, si imbatte nel signor George (Ben Kingsley), nella sua bottega di giocattoli in stazione e nella sua figlioletta adottiva. Ma George, burbero e intransigente, non è un semplice costruttore e venditori di giocattoli di latta. E' un "mago", un visionario, uno che nei prissimi anni di vita del cinema ha visto in esso un linguaggio espressivo e artistico unico. George è George Méliès, quello de il "Viaggio nella luna".
Scorsese parte da qui per fare un omaggio commovente alla Settima arte. E lo fa con gli occhi di un bambino, con uno sguardo curioso, con un amore sconfinanto per quest'arte che continua ad ammaliare. Ed è significativo che questo omaggio venga fatto in 3D e che 3D. Personalmente è la prima volta che vedo un film girato in 3D con coscienza. Non c'è la ricerca dell' effetto, quanto un lavoro magistrale (non a caso si parla di uno dei più grandi registi in circolazione ancora) nel cucire pefettamente la tecnologia e le sue prodezze all'interno del tessuto narrativo e dell'estetica del film. Con un risultato artistico stupefacente. Lo spettatore "vive" l'epoca, i luoghi, i personaggi. Si prova quello che forse hanno provato quei primissimi spettatori del cinema dei Lumière, con quella locomotiva che rischiava di invadere la sala di proiezione.

Poi c'è la storia, tenera, emozionante. Il piccolo Hugo cerca il suo posto nel mondo, domanda lecita quando ad una manciata di anni ti trovi solo al mondo. In che parte dell'ingranaggio vita-universo si trova Hugo? Dov'è il senso della sua esistenza? La sua ricerca è stranziante, il rifugio nelle invenzioni del padre e nel cinema toccante. Che il cinema possa dare nuova vita? Non sono Scorsese, ma mi viene gran voglia di dire di si.
Da non perdere.




9 commenti:

ottanta/cento ha detto...

Hai ragione. Film molto bello. Piace molto anche ai bambini, sebbene non sia un film pensato per loro, ma è così pieno di magia che si incantano. Gli manca solo un finale più robusto per essere un film eterno, no?

Fiorella Taddeo ha detto...

Infatti volevo scrivere "e non dite che è un film per bambini". E sono d'accordo sul finale, forse un guizzo in più non sarebbe stato male. Comunque che meraviglia.

Anonimo ha detto...

Throughout unsecured debt credit score consolidation, your financial obligations are increasingly being consolidated in one submit along with your specialist will certainly deal with every one of the contracts with the lender. You simply won't must get ready individual lab tests for every of your credit card companies, you actually sticks should provide the entire level of your current premiums on your practitioners as well as your therapist pays off off of your creditors.

http://www.wimos.co.uk/blog/view/19127/flm-pikalaina-the-internet-selection-for-great-britain-clients
http://howsvegas.com/VickeyFt

Anonimo ha detto...

If some one needs to be updated with newest
technologies afterward he must be go to see this website and be up to
date daily.
Here is my blog post :: perfumes

Anonimo ha detto...

I’ve lately set up a webpage, the ideas you give
above regarding discount car rental has served us tremendously.
Thanks for all of your valuable time and work.

Feel free to surf to my webpage :: car hire in lanzarote

Anonimo ha detto...

You really make it seem so simple in your article but
I find the subject on thrifty car rental chs to be really something which I think I could
not fully grasp. It appears actually complicated as well as very broad for me.
I am looking forward for your forthcoming blog post, I'll try to get the hang of it!

My website :: car hire bilbao

Anonimo ha detto...

This is some very worthwhile details on car rental discount codes los angeles, you're a very skillful writer. I have signed up with your feed and anticipate seeking more of your excellent articles. Also, I have shared this blog in my online networks!

My website ... Hire Car Malaga

Anonimo ha detto...

You actually make it seem so simple in your article although I find the subject on hertz car rental dallas tx to be seriously something that I believe I would not fully grasp.
It seems actually confusing and really broad for me.
I'm looking forward for your next blog post, I will make sure to get the hang of it!

Also visit my webpage :: Car Rental Lanzarote

Anonimo ha detto...

I am really impressed with your writing skills as well as with the design of the blog.
Is this a premium theme or did you modify it yourself?
Either way continue the nice quality posting, it is exceptional
to find a pleasant blog like this these days.

My blog post Car Hire Mallorca Airport